Prohibido Olvidar

RUBEN BLADES è anche noto per i suoi testi di denuncia sociale e politica.
Il genere è definito come SALSA SOCIAL.
In questo brano denuncia gli abusi, la sopraffazione ed i delitti perpetrati per lungo tempo da tanti governi militari sudamericani… come ad esempio la sua Panama, l’Argentina ed il Cile… e dice che l’unico modo perché non possano più ripetersi quelle atrocità e necessario proibire una sola cosa .. È PROIBITO DIMENTICARE.
Soprattutto riferito alla sua Panama che visse periodi di buia dittatura prima con Omar Torrijos e poi col “narcotrafficante” Manuel Antonio Noriega… un inno contro tutte le dittature del mondo.


Traduzione di
PROHIBIDO OLVIDAR
“Proibirono andare a scuola e andare all’università
Proibirono le garanzie e l’ordine costituzionale
Proibirono tutte le scienze, tranne le militari.
Vietarono il diritto di lamentarsi, vietarono chiedere.
Oggi ti propongo, fratello mio, in modo che non accada di nuovo,
Proibito dimenticare!
Proibito dimenticare!
Nessuna attesa per le risposte. Proibita la volontà.
Proibita la discussione. Proibita la Realtà
Proibito il libero pensiero e proibita l’opinione.
Proibirono l’intelligenza con un decreto speciale.
Se tu non usi la testa qualcun’altra per te la userà
Proibito dimenticare!
Proibito dimenticare!
Proibito il diritto di sciopero e di aumenti salariali.
Proibito andare in strada e criticare lo Stato.
Proibito ridere delle barzellette sul suo triste governare.
Proibirono lo sviluppo del futuro nazionale.
Io credo che l’unico modo per dare a tutto questo una fine è:
Proibito dimenticare!
Proibito dimenticare!
Proibirono commenti senza approvazione ufficiale
Proibirono di ribellarsi contro la mediocrità.
Proibirono le Elezioni e la speranza popolare.
E proibirono la coscienza, e proibirono di pensare.
Se credete nella vostra bandiera e se credete nella libertà:
Proibito dimenticare!
Proibito dimenticare!
Povero quel paese dove i malvagi governano,
Dove il civile cade per la corruzione.
Povero il Paese alienato dalla droga,
Perché una mente che si scioglie, perde la ragione.
Povero il Paese che, con la violenza crea,
Che può uccidere l’idea della sua liberazione.
Povero il paese che vede la giustizia fatta in frantumi,
Per volontà dei ricchi o per ordine militare.
Ogni nazione dipende dal cuore della sua gente.
E un paese che non si vende, nessuno lo potrà comprare!
Non dimenticare!
Non dimenticare!”
Bella la sua poesia e bello il brano.
PROHIBIDO OLVIDAR.

Non so voi, ma ogni volta che la rileggo, non so perché, ma mi commuovo e mi si smuove qualche rotella nel guardare con occhi diversi la nostra democratica italia…

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =